L'Alchimia - The Alchemy

[ENGLISH BELOW] L'alchimia è un antico complesso di conoscenze pratiche, filosofiche ed esoteriche. Sviluppatosi nel mondo arabo , cinese e in Europa diffusosi nel Medioevo.
Il termine alchimia deriva dall'arabo al-khīmiyya o al-khīmiyya (الكيمياء o الخيمياء), composto dell'articolo determinativo al- e della parola kīmiyya.
Il pensiero alchemico è considerato da molti il precursore della chimica moderna (anche se con pareri non sempre concordanti) prima della nascita del metodo scientifico.

L'alchimia viene considerata una scienza esoterica , per comprenderla al meglio basta pensare che l'interesse della conversione di una sostanza in un altra esiste fin dai tempi più antichi dove non vi era necessità di separare l'aspetto materiale della pratica da quello filosofico. Gli obiettivi di questa scienza esoterica erano diversi , molto ardui, tra cui la trasmutazione dei metalli in oro, prolungare la vita , immortalità e trovare una cura universale per tutte le malattie.

La scienza dell'alchimia ebbe diverse evoluzioni nel tempo , partendo dal forte intento di arrivare alla perfezione universale superando i limiti della stessa esistenza, da ciò l'intrecciarsi di tematiche chimiche, spirituali ed astrologiche che furono caratteristiche dell'alchimia medievale.
Diversi sono gli accostamenti esoterici di questa pratica e diversi sono anche i personaggi che durante la storia sono stati accostati all'alchimia.

L'universo alchemico è pieno di simboli, partendo da quelli dei metalli primari che sono corrispondenti ai pianeti : il Sole governa l'oro, la Luna l'argento , Mercurio il mercurio , Venere il rame , Marte il ferro , Giove lo stagno e Saturno il piombo. Alcune iconografie rappresentano la chiave per gli ingredienti costitutivi dei processi di creazione come quello per ottenere la nota pietra filosofale.
Altre simbologie alchemiche invece sono legate spesso ad animali reali o meno, come il corvo , il cigno , la fenice ma anche il serpente ouroboros, ricorre spesso nelle raffigurazioni delle opere alchemiche, in quanto simbolo della ciclicità del tempo , l'energia universale che si consuma e si rinnova e la totalità del tutto.

Le operazioni dei processi alchemici venivano studiati in ogni dettaglio e avvenivano secondo dei procedimenti specifici e fondamentali da seguire che variavano leggermente a secondo dell'alchimista.
Come per la grande opera ad esempio i processi fondamentali sono Nigredo (putrefazione) , Albedo (sbiancamento) e Rubedo (arrossamento).

Nel XIV secolo in Europa l'alchimia ebbe una flessione a causa dell'editto di Papa Giovanni XXII che ne vietava la pratica alchemica.
Per fortuna questa pratica fu tenuta in vita da alchimisti che non smisero di scrivere le proprie opere e tramandare il sapere.
In quel periodo magia, alchimia, astrologia , medicina e scienze naturali e etc. operavano in meccanismi legati fra loro.

Il vero declino dell'alchimia però iniziò nel periodo rinascimentale con la nascita della scienza moderna, che si limitò ad una struttura più concreta e materialista per comprendere le trasmutazioni della materia, e la medicina, con un nuovo disegno .
Ridotta ad un solo sistema filosofico, subì il trattamento comune ad altre discipline da prima al centro d'interesse, depositaria di grandi saperi arcani per poi essere eclusa dagli studi, l'alchimia venne banalizzata e messa al bando dagli scienziati.

Dopo aver goduto per millenni di un grande prestigio intellettuale e materiale questa pratica scomparve man mano dall'interesse comune rimanendo viva solo nei grandi testi e nel pensiero popolare.


Alchemy is an ancient complex of practical, philosophical and esoteric knowledge.
Developed in the Arab, Chinese and European world, spread in the Middle Ages.
The term alchemy derives from the Arabic al-khīmiyya or al-khīmiyya (الكيمياء or الخيمياء), composed of the definite article al- and of the word kīmiyya.
The alchemic thought is considered by many to be the precursor of modern chemistry (although with opinions that are not always consistent) before the birth of the scientific method.

Alchemy is considered an esoteric science, to understand it at best it is enough to think that the interest of the conversion of one substance into another has existed since ancient times where there was no need to separate the material aspect of the practice from the philosophical one. The goals of this esoteric science were diverse, very arduous, including the transmutation of metals into gold, prolonging life, immortality and finding a universal cure for all diseases.

The science of alchemy had several evolutions over time, starting from the strong intent to reach universal perfection overcoming the limits of its existence, from this the intertwining of chemical, spiritual and astrological themes that were characteristic of medieval alchemy.
There are several esoteric combinations of this practice and there are also several characters who have been associated with alchemy throughout history.

The alchemical universe is full of symbols, starting from those of the primary metals that correspond to the planets: the Sun governs the gold, the Moon the silver, Mercury the mercury, Venus the copper, Mars the iron, Jupiter the pond, Saturn the lead. Some iconographies represent the key to the constituent ingredients of the creation processes like that to obtain the known philosopher's stone.
Other alchemical symbols, on the other hand, are often linked to real animals or not, such as the crow, the swan, the phoenix but also the ouroboros snake, often used in the representations of alchemical works, as a symbol of the cyclical nature of time, the universal energy that is consumes and renews itself and the totality of the whole.

The operations of alchemical processes were studied in every detail and took place according to specific and fundamental procedures to be followed which varied slightly according to the alchemist.
As for the great work, for example, the fundamental processes are Nigredo (putrefaction), Albedo (whitening) and Rubedo (redness).

In the fourteenth century in Europe alchemy declined due to the edict of Pope John XXII which forbade its alchemical practice.
Fortunately, this practice was kept alive by alchemists who did not stop writing their works and pass on knowledge.
In that period magic, alchemy, astrology, medicine and natural sciences and etc. they worked in mechanisms linked to each other.

The true decline of alchemy, however, began in the Renaissance period with the birth of modern science, which was limited to a more concrete and materialistic structure to understand the transmutations of matter, and medicine, with a new design.
Reduced to a single philosophical system, it underwent the common treatment of other disciplines from the first to the center of interest, repository of great arcane knowledge to then be excluded from studies, alchemy was trivialized and banned by scientists.

After having enjoyed great intellectual and material prestige for millennia, this practice gradually disappeared from common interest, remaining alive only in the great texts and in popular thought.